Intervista alla docente Enrica Dondero, coautrice del corso di formazione per docenti “Superare l’anno di prova e vivere felici”.

Superare l’anno di prova e vivere felici: L’ebook scritto per aiutare gli insegnanti ad affrontare con successo l’anno di prova.

superare l'anno di prova e vivere felici intervista autrice enrica dondero ebook corso formazione docenti

Un ebook rivolto ai docenti in prova, ma non solo.

Superare l’anno di prova e vivere felici” è un corso di formazione docenti con riconoscimento MIUR, proposto sotto forma di ebook su ebookscuola.com e scritto per guidare gli insegnanti ad affrontare l’anno di prova.

Ma in questo particolare corso viene esposto anche un secondo punto di vista, ovvero quello del tutor e del dirigente scolastico. Durante l’anno di prova il tutor accompagna il neo-insegnante nel suo percorso ed infine valuta, insieme al dirigente scolastico, il suo operato. In particolare, al dirigente spetta la decisione finale di conferma in ruolo del docente.

Per fare il punto sui benefici dati dallo studio di questo particolare corso di formazione docenti, abbiamo precedentemente intervistato la dirigente scolastica Stefania Finauro, autrice del testo insieme alla docente Enrica Dondero.

Michele Capurso, direttore scientifico di ebookscuola.com, ha effettuato la pianificazione, supervisione e revisione scientifica del libro. Alla revisione ha inoltre collaborato il professor Federico Batini.

Oggi intervistiamo proprio l’autrice Enrica Dondero, la quale illustrerà la sua importante esperienza in campo scolastico ed analizzerà nei dettagli il tema trattato nell’opera.

Buongiorno dottoressa Dondero. Le chiedo una piccola presentazione in modo da introdurre la sua figura, in particolare riguardo il suo percorso formativo e la sua professione.

Sono un’insegnante. Il mio percorso professionale è particolare: ho attraversato tre ordini di scuola (primaria, secondaria di I e II grado) e mi sono occupata di formazione dai sei agli …anta anni.

Infatti, dopo la laurea conseguita all’Università di Genova e un significativo periodo dedicato esclusivamente all’insegnamento, ho intrapreso una strada parallela, rivolta all’aggiornamento e alla formazione dei docenti, sia iniziale (sono stata supervisore al tirocinio, presso Scienze della Formazione), sia in servizio.

Attualmente ho un comando all’Ufficio Scolastico Regionale per la Liguria, dove mi occupo prevalentemente di questi temi.

Cosa l’ha portata a collaborare con ebookscuola.com?

Le relazioni che hanno portato a questa collaborazione sono state avviate ai tempi del lavoro all’Università come supervisore al tirocinio. Il nuovo sistema di formazione universitario era agli albori. Dunque il gruppo dei supervisori avvertiva fortemente il senso e l’importanza della cooperazione professionale per potenziare in modo incisivo la propria funzione.

Si instaurò così una dinamica aperta e costruttiva fra i supervisori all’interno della stessa Facoltà e con colleghi di altre Università italiane. Anche se è trascorso parecchio tempo, alcuni contatti significativi si sono mantenuti e hanno portato a questa collaborazione con Michele Capurso e Stefania Finauro.

Lei è l’autrice dell’ebook “Superare l’anno di prova e vivere felici”, scritto insieme alla dottoressa Finauro. Come mai avete deciso di scrivere proprio su questo argomento?

Le ragioni sono sostanzialmente due, per quanto mi riguarda, e fanno riferimento alla duplice direzione del mio percorso professionale: da una parte l’interesse per la qualità dell’apprendimento, dall’altra l’attenzione alla formazione dei docenti.

Si tratta, come è evidente, di lavorare sui punti di convergenza. L’aspetto più stimolante consiste nel fatto che questa relazione – apprendimento di qualità/insegnamento – è condizionata da mille variabili. Tali variabili si moltiplicano alla -n se si considera che ogni soggetto, alunno o adulto, è diverso per storia, caratteristiche personali, modi di essere parte di un contesto.

Si tratta quindi di un tema estremamente affascinante.

Una seconda prospettiva di analisi nasce dall’attenzione al movimento diacronico di questa relazione, cioè al suo scorrere nel tempo.

La mia esperienza sul tema è davvero particolare. Avendo lavorato in tre ordini diversi di scuola, ho avuto la possibilità di seguire, da una parte, l’evoluzione dei processi apprenditivi e le caratteristiche del loro sviluppo.

Dall’altra, la mia ormai lunga esperienza di formazione dei docenti, a partire dalla fase iniziale, in Università, all’aggiornamento in servizio, mi ha permesso di osservare da vicino il porsi (o no) di alcune dimensioni che sostengono la professionalità dell’insegnante.

La collaborazione con Stefania Finauro è risultata proficua proprio per l’integrazione delle nostre rispettive competenze professionali, che abbiamo cercato di porre in sinergia.

Quali sono quindi, in particolare, i temi trattati nell’ebook?

superare l'anno di prova e vivere felici intervista enrica dondero autrice corso di formazione docenti ebook

Proprio per le ragioni che ho indicato prima, ritengo che l’anno di prova sia un passaggio cruciale, da curare con la massima attenzione.

Perciò, nell’ebook ho trattato una serie di temi di primaria importanza per una riflessione iniziale del docente:

  • gli ambienti di formazione;
  • i soggetti che interagiscono e le relazioni professionali che si intrecciano fra di loro;
  • la scuola come ambiente di apprendimento; l’osservazione come strategia di conoscenza;
  • la progettazione e la valutazione.

Sono tematiche di interesse di tutti gli insegnanti, non solo di quelli in anno di prova. Anzi, alcune, come il portfolio professionale o il bilancio delle competenze, sono di forte attualità anche nel dibattito sulla formazione dei docenti in servizio e sono elementi qualificanti del piano per lo sviluppo professionale 2016-2019 del MIUR.

Da tanto tempo ne seguo l’evoluzione concettuale ed il proporsi nel contesto scolastico. La loro trattazione ha richiesto ulteriori approfondimenti e aggiornamenti, in particolare in rapporto alla ricerca sul piano internazionale.

Com’è stato il suo anno di prova?

Avendo lavorato in tre ordini di scuola, ho affrontato per tre volte l’anno di prova in periodi diversi. Ho potuto quindi sperimentare differenti modalità e l’ultima, quella che nasce dal decreto 850/2015, mi ha impegnato in modo stimolante, non banale o routinario. Ho avuto perciò piacere a dare forma riflessiva ai miei pensieri sul tema.

Un aspetto curioso: nel 2014, come negli anni precedenti, mi sono occupata della formazione dei docenti neoassunti. Nel 2015, avendo avuto il passaggio alla secondaria di II grado, mi sono ritrovata nella condizione di chi effettua l’anno di prova.

L’ho considerata da subito una buona opportunità per me: ho avuto la possibilità di osservare la questione dalle due diverse prospettive in tempo molto ravvicinato e con un diverso ruolo. Le nuove modalità di formazione previste dal decreto 850 sono poi particolarmente interessanti, per cui l’esperienza è stata del tutto positiva.

Ricordo con una particolare sensazione l’incontro finale con il Comitato di valutazione, al quale mi sono presentata emozionata nonostante le esperienze accumulate negli anni, e la calda accoglienza che mi è stata riservata dai componenti.

Si è occupata della stesura di altri libri oltre questo?

Ho scritto molto nel tempo, ma soprattutto saggi e articoli per riviste specializzate nella didattica o contributi a opere collettive.

Ho trattato aspetti di didattica disciplinare – in particolare relativi all’insegnamento della storia -, di didattica generale (come il nodo delle competenze) e della progettazione-valutazione, sia all’interno del tirocinio, che come elemento della competenza docente.

In questo momento quali progetti sta seguendo? Magari la stesura di un altra opera?

Ho appena concluso una esperienza avvincente: un percorso ampio e articolato di ricerca-formazione con oltre cento docenti del biennio della secondaria di secondo grado, da me progettato e coordinato.

Ora sto ordinando e riorganizzando i pensieri e i materiali per mettere a fuoco gli elementi cruciali del percorso:

  • si è realizzata reale crescita professionale? Come?
  • Quali sono stati gli input che l’hanno resa dinamica e su quali livelli sono stati in grado di apportare modifiche?
  • Come agisce l’interazione nella formazione?
  • Quali tipologie di ambienti risultano più efficaci?
  • Come si struttura il gioco cooperativo della formazione?

È stata un’altra esperienza interessante, che mi ha permesso di confrontarmi con tanti colleghi e con formatori di diversa provenienza, in un contesto non sempre facile, mai scontato, spesso sfidante.

Non è detto che da tutto ciò non nasca l’idea di scrivere ancora e di portare in un ambiente più ampio le considerazioni e le riflessioni nate nell’ambito di questa vicenda.

Conclusioni.

La dottoressa Finauro è provvista dunque di un’approfondita esperienza sia per quanto riguarda l’insegnamento che per quanto riguarda la formazione dei docenti.

Ha inoltre vissuto l’anno di prova personalmente (come la dottoressa Finauro) e da diversi punti di vista. Dunque seguire il corso “Superare l’anno di prova ed essere felici” non può che far partire gli insegnanti in prova con un sensibile vantaggio.

Buona lettura!

Vuoi scoprire se abbiamo l'ebook che fa per te?

Guarda il nostro catalogo e cerca il testo che risponde alle tue esigenze formative. VAI AL CATALOGO